Codice Etico

Un codice etico, così come lo si trova definito da Wikipedia è l’insieme dei principi che rispecchia il modo di operare di un’organizzazione.

Io e Monica abbiamo deciso di utilizzare questo documento come nostro manifesto per questo Blog e per tutto ciò che realizzeremo da qui in avanti. Abbiamo scelto di tenerlo come guida, come indicatore e come faro nella nostra attività di divulgazione perché ci sentiamo molto in sintonia con questa visione.

La creazione di questo documento è partita da un’idea di Jack Pransky, è stato poi scritto da Elsie Spittle e George Pransky con la collaborazione di molti altri formatori, coach e insegnanti Tre Principi, come promemoria, per tutti coloro che desiderano divulgare questa comprensione.

Questo qui sotto è solo un estratto del documento integrale, ma vi invitiamo a leggerlo e a farci una pensata, soprattutto se il vostro ambito di interesse è la crescita personale.


” I Tre Principi hanno una natura spirituale e universale. Sono Spirituali nel senso che sono allo stesso tempo forma e senza forma. Universali perché non si applicano solo a qualcuno ma a tutto. Non originano nel sistema psicologico di ogni persona, ma piuttosto derivano dall’energia senza forma dietro la vita, proprio come un cuore psicologico pulsante che deriva dalla forza della vita e non dal cuore stesso.

I Principi sono un’espressione di cosa Syd ha scoperto. Sono il cuore di questa comprensione e sono alla base del nostro insegnamento.

Qui i punti chiave a cui Syd puntava:

1. La Salute di chi aiuta

La cosa che qualifica un insegnante è riflettere e dimostrare le qualità di vita che i clienti desiderano (noi lo chiamiamo grounding ) e l’abilità dell’insegnate di condividere le sue comprensioni dipende dalla qualità della sua vita. Il percorso educativo dell’insegnante così come la sua esperienza e l’abilità di essere articolato potrebbe strutturare il suo grounding: è il valore più alto che un facilitatore può mettere sul tavolo.

Abbiamo imparato che la miglior via per aiutare la nostra efficacia come facilitatori è aumentare il nostro livello di comprensione, per guardare più in profondità nei Principi su base continuativa.

2. Guarda alla Salute mentale delle persone, non alla loro sintomatologia

C’è una saggezza e una logica nei Principi che esiste in tutte le cose viventi. Guardare a questo fatto e guardare ai nostri clienti senza alcuna eccezione, consente di vedere oltre la sintomatologia del cliente. Vedere che le persone hanno già la Salute mentale dentro di loro  da’ speranza ai praticanti come ai clienti, indipendentemente dal livello di funzionamento di comprensione dei clienti. Il lavoro dei facilitatori non è dare delle informazioni da far capire al cliente, o mettere qualcosa dentro di loro, ma piuttosto aiutarli a risvegliarsi alla propria saggezza.

3. Intuizione – Pura Intelligenza

La realizzazione di una Saggezza Innata  arriva da un ascolto profondo attraverso un’intuizione. Tutti noi abbiamo una saggezza innata al nostro interno. La saggezza è sempre aggiornata al momento, attraverso un’intuizione. Questo è dove si verifica il cambiamento del comportamento.

4. Livelli di Coscienza più profondi

Avere livelli di coscienza sempre più profondi è una questione di cuore e non di ragione. Le vere comprensioni bypassano il cervello. Abbiamo imparato a mantenere il messaggio semplice rispetto alle analisi e alle complicazioni. Syd ci diceva che sebbene esista una connessione tra i Principi e le capacità psicologiche e intellettuali dell’umanità, il luogo di maggiore potere per guardare nella direzione della natura spirituale della vita è  parlare dell’intelligenza universale attraverso Mente, Pensiero e Consapevolezza.

5. Una conversazione tra amici

C’è un grande valore nell’essere sullo stesso piano e parlare con i clienti come se fosse una conversazione tra amici. Ciò che chiamiamo insegnamento diventa far emergere la saggezza dal cliente e avere la sensazione della condivisione.

6. Ascoltare la verità

Abbiamo imparato da Syd che la verità dei Principi può essere vista solo attraverso un insight, [ovvero un’intuizione, un’illuminazione o una realizzazione]. Comprendere le cose in modo razionale non aiuterà veramente. L’illuminazione non ha alcuna limitazione. Essa scaturisce ogni volta dallo stato mentale. Questo significa, comunque che una mente quieta, riflessiva è un mezzo molto più produttivo rispetto a una mente attiva e a un processo di ascolto analitico.

7. Ascoltare i clienti

Ascoltare oltre le storie dei clienti per sentire la loro saggezza e puntare il loro sguardo interiore in quella direzione. Questo li aiuterà a vedere tutto quello che sanno, non importa che tipo di storia hanno avuto o cosa gli è accaduto.

8. Attieniti a ciò che sai

È importante che ci atteniamo a ciò che conosciamo (ciò che è vero per noi) e proviamo a parlare dal profondo del grounding. Quando condividiamo solo ciò che conosciamo possiamo vedere di più. Cosa conosciamo ora è già abbastanza per ora. Syd spesso diceva che: “quel poco che sappiamo potrebbe essere in anticipo di decenni sui tempi.”

9. Condividi la tua storia

Molte cose non si prestano a un’espressione facile e diretta. I Principi riguardano tutte le categorie. Storie e metafore possono aiutare. Syd ci incoraggiava anche a condividere la nostra storia personale (come siamo arrivati a comprendere i Principi e cosa ci abbiamo visto dentro). Abbiamo imparato che condividere la nostra storia porta la comprensione dei principi nella vita. La profonda sensazione di benessere che c’è quando raccontiamo la nostra storia aiuta a risvegliarsi alla Salute Innata  tutti coloro che stanno ascoltando. La nostra storia punta ai risultati prodotti dalla comprensione dei Principi e da’ speranza.

10. Collegare i punti

Quando le persone hanno un’illuminazione, cambiano. Vedono e ascoltano in maniera differente e sentono in maniera diversa ma non lo vedono mai come prima cosa. Punta al contesto dove i clienti potranno ottenere risultati.

11. Aderisci ai Principi

Syd ci ricorda che ognuno ha Saggezza e comprensione all’interno di se stesso per rendersi stabile e risolvere i propri problemi. Le tecniche rivolte a “migliorare il benessere del cliente” tolgono potere alle persone, perchè indeboliscono il messaggio che ognuno di noi ha già tutto ciò di cui ha bisogno dentro di sè.

I Principi danno il potere alle persone di indirizzarli verso la loro unica Saggezza, Creatività e personale Resilienza.

12. Credi nella tua Saggezza Interiore/ Pura intelligenza

Brevemente, vogliamo credere e seguire la nostra personale saggezza, per come la comprendiamo. Vogliamo essere aperti ad ascoltare/vedere più di quello che vediamo adesso. Questo vuol dire ascoltare da dentro ed essere aperti ad ascoltare qualcosa di nuovo; qualcosa che farà più profondo il nostro grounding e la nostra crescita. Syd ha espresso questo punto in maniera esplicita quando ha detto:”Non abbiate seguaci; ascoltatori, si, ma non seguaci”.

13. Abbi il tuo cuore nel giusto posto

Poco dopo che Sydney Banks ebbe la sua profonda esperienza, lui seppe che ciò che aveva realizzato era di grande aiuto per l’umanità.

Iniziò a guardare nella direzione di essere al servizio ed incoraggiare gli altri ad imparare da lui la direzione migliore. Anche se i facilitatori devono provvedere a se stessi e vivere, è saggio mettersi al servizio e farlo prevalere sul guadagno personale. Quando il nostro Focus è sul servizio, piuttosto che sul nostro nido, noi troveremo un insegnamento molto più pieno e influente.

Abbiamo visto molte volte che quando la priorità è essere al servizio dell’umanità ed essere autentici nella nostra saggezza, gli aspetti pratici della vita inevitabilmente vanno a posto; spesso nel modo in cui non avevamo immaginato.”


Ringraziamo Jack, George e Elsie per l’idea di questo documento e per il suo contenuto. Lo terremo sempre con noi e cercheremo, per quanto saremo capaci, di metterci al servizio e portare valore.

Simona e Monica