Stories

Mi chiamo Sally e non sono un’alcolizzata! La Condivisione

⇐ Seconda Parte: Mi chiamo Sally e non sono un’alcolizzata! La Trasformazione

→ Originale in Inglese

 

Volo in Spagna

Ero così emozionata quando mi sono iscritta al corso EPT di Jack. Mi è piaciuto il modo in cui Jack aveva condotto il suo programma a marzo. Era così appassionato di condividere le sue conoscenze che mi sentivo in pace ogni volta che parlava.

Un uomo così tranquillo e umile, desideravo un po’di ciò che aveva lui. Sarebbe stato un grande passo per me recarmi in Spagna e il mio stomaco ha fatto una capriola mentre pensavo al viaggio, ma la mia amica Jacqueline sarebbe venuta con me, il che mi dava un po ‘di conforto. Ma quando mi disse che non poteva a causa di altri impegni, mi sentii improvvisamente spaventata. Ero terrorizzata di volare, soprattutto da sola, non conoscevo nessuno là ed era in Spagna. Che cosa sarebbe successo se tutti i partecipanti al corso avessero bevuto molto? Non potevo prendere in considerazione l’idea di andare, proprio ora che ero sobria da 6 mesi. Ero terrorizzata dalla possibile ricaduta, quindi ho scritto a Jack e gli ho detto che avrei dovuto annullare e che sarei andata al corso in Inghilterra, perché quella mi sembrava un’opzione molto più sicura. Jack vide attraverso la mia paura e mi contattò per discutere la mia decisione, in pochi minuti la Saggezza di Jack e la sua rassicurazione mi calmarono e mi assicurarono che sarebbe stata una brillante opportunità per me e che me ne sarei resa conto. Avevo solo la sensazione che qualunque cosa fosse accaduta sarei stata al sicuro e avrei superato la situazione con facilità, Jack mi sosteneva. Il giorno della partenza per la Spagna mi sono sentita entusiasta del mio viaggio è non avevo aspettative.

Quando sono salita sull’aereo mi sono sentita abbastanza calma e concentrata sui miei compagni di viaggio e dintorni. Ho appositamente prenotato un posto sul corridoio quindi non ho dovuto guardare fuori dal finestrino. Mentre mi sistemavo al mio posto e mi concentravo sulla rivista di volo, mi resi conto di avere tutta la fila per me e che potevo scegliere in quale posto sedermi. Dopo il decollo, decisi di essere coraggiosa e passare al posto vicino al finestrino e guardare lo scenario di sotto. Non ho nemmeno pensato alla mia paura delle altezze, mi sono concentrata sui bei panorami che passavano incluse le impressionanti formazioni nuvolose. All’atterraggio improvvisamente mi resi conto che avevo appena completato il mio primo volo da sobria e avevo superato la mia paura delle altezze. Riflettendo su questo viaggio ho messo in discussione il motivo per cui fossi l’unica persona sull’aereo con una fila tutta per me, l’Universale presenza di Mente in Azione. Mi sono anche resa conto che non pensavo di avere paura.

La mia esperienza interiore

Il secondo giorno di corso ho iniziato a sentirmi molto insicura e ansiosa. Ho trovato difficile essere in un hotel con un bar, con persone che bevono alcolici intorno a me. Mi isolavo per affrontare le mie sensazioni. Volevo solo scappare via, dato che questo era stato il mio modo di salvarmi durante la mia via di lotta o fuga. Poi ho fatto un intenso esercizio di ascolto con Suzanne che mi ha detto di riflettere sui miei sentimenti di morte. Improvvisamente ho avuto una travolgente sensazione di calma e la consapevolezza che non importava dove fossi nel mondo, ero al sicuro. La mia saggezza mi ha detto che non avevo bisogno di alcol per sentirmi bene nell’incertezza e che sarebbe passata e così è stato. Ho trascorso un’incredibile settimana in Spagna con Jack e con i miei compagni di corso, ho stretto amicizia e ho avuto una comprensione molto più profonda di come i Tre Principi funzionino sempre dentro di noi. Ho avuto così tante intuizioni sulla mia vita e sulla mia dipendenza dall’alcool.

L’intuizione

Una grande intuizione che ho avuto mentre condividevo i miei pensieri con Sheila riguardava il modo in cui da bambina, a circa 6 anni ero diventato improvvisamente molto ansiosa e mi sentivo sempre male; mi svegliavo e svegliavo i miei genitori nel cuore della notte piangendo e sentendomi nel panico, molto spaventata e sola. Mi mettevo a piangere al buio. Mia madre si arrabbiava sempre e mi diceva di tornare a letto. Desideravo ardentemente un abbraccio e delle rassicurazione, ma non è mai accaduto, mi hanno dato tranquillanti sin dall’età di 6 anni, ora sembra una cosa molto orribile da fare. Mia madre mi ha sempre detto che pensava che la ragione della mia ansia e malattia fosse perché il mio insegnante di scuola materna non mi amava ed era stato crudele con me e io le ho sempre creduto non sapendo altro.

Continuai a raccontare a Sheila di un terribile evento accaduto in precedenza. Quando avevo cinque anni mia mamma e mio papà stavano dando una festa a casa, come al solito, tutti gli adulti erano molto ubriachi. Ricordo vividamente che li osservavo agire in un modo che mi pareva molto normale nella mia giovane opinione. All’improvviso mia madre, che era molto ubriaca, annunciò a tutti che non mi aveva mai voluto e aveva tentato di abortirmi con un bagno caldo e una bottiglia di gin, in quel momento tutti mi hanno guardato e hanno riso, io mi sentivo molto turbata e spaventata, mi sentivo totalmente rifiutata, come se non appartenessi alla nostra famiglia. Pare che dopo io sia andata in giro per la stanza bevendo dai bicchieri degli adulti e mi sia ubriacata; avevo solo cinque anni, ma gli adulti lo trovarono divertente.

Mentre raccontavo la mia storia a Sheila, provai una sensazione terribile, per poco non svenni e mi sentii male fisicamente. All’improvviso mi venne in mente che poco dopo questo evento avevo iniziato a essere una bambina molto ansiosa e malaticcia. Questo mi disturbò tantissimo, ero senza parole. Avevo capito in quel momento che era stato in quell’occasione che erano iniziate le mie insicurezze e le mie ansie. Oh mio Dio, mi sono illusa per 49 anni e ho incolpato un innocente insegnante di scuola dell’infanzia.

La bottiglia sigillata

Ho avuto un’altra realizzazione in Spagna sulla mia dipendenza dall’alcol. Ogni mattina, dopo circa 5 pinte di alcol iniziavo a calmarmi e a smettere di vomitare e il pensiero ciclico che portava alla dipendenza ricominciava. “Quanto durerà l’alcol? Sto studiando abbastanza per arrivare al negozio? Quanto ne dovrò comprare? Ho abbastanza soldi? I commessi me lo venderanno? Qualcuno mi vedrà? Il tassista mi porterà? Il ciclo era infinito e il 100% dei miei pensieri era occupato dall’alcol e dalla domanda: Quanto me ne servirà per superare la giornata?

Alla fine mi sarei diretta verso il negozio per fare rifornimento per il giorno in cui mi sarei sentito estremamente ansioso mentre scuotevo fisicamente dalla testa ai piedi che non riuscivo nemmeno a tenere i soldi in mano. Poi, ogni giorno, senza fallo, non appena consegnavo i soldi e ricevevo la bottiglia in mano il tremore si fermava miracolosamente all’improvviso. Questo particolare ora mi colpiva come se avessi sbattuto contro un muro di mattoni: la paura e l’ansia erano causate dal mio pensiero. Ero così consumata dal pensiero di comprare da bere che in realtà era il pensiero che mi faceva tremare. Mi sono sempre chiesta perché smettessi di tremare quando la bottiglia era ancora sigillata. Wow che intuizione!

Ultimo giorno di corso

L’ultimo giorno della nostra formazione ognuno di noi ha dovuto fare una presentazione ad un pubblico parlando dei Tre Principi. Jack ha suddiviso tra di noi tutte le aree specifiche da coprire. Ero preoccupata di non sapere cosa dire o di direi qualcosa di inappropriato. Jack ci ha detto di prepararci, ma non abbiamo provato prima la presentazione, perché voleva che parlassimo dal cuore e condividessimo solo ciò di cui avessimo avuto veramente bisogno per essere veri. Ho ascoltato i miei compagni e mi sono sentita così orgogliosa e felice di conoscerli. Avevano creato un enorme precedente per la mia presentazione.

Ho raccontato la mia storia di Dipendenza e Trasformazione. Mi sembrava che fluisse abbastanza. Ho finito dicendo: “Il mio nome è Sally e non sono un’alcolizzata”. Al termine ho ricevuto una standing ovation che mi ha colto di sorpresa e in effetti l’ho trovato piuttosto imbarazzante. I miei compagni mi hanno sommersa di elogi e il commento più emozionante che ho ricevuto è arrivato da Jack, che mi ha detto che avevo rubato la scena!!! Questo era davvero un elogio del maestro. Il sentimento che provavo era lo stupore di essere stata in grado di parlare fluentemente della mia storia di trasformazione senza una vera preparazione. Ho sentito il privilegio di essere arrivata così lontano nella mia guarigione grazie alla mia comprensione dei Tre principi.

Il pubblico è parso apprezzare ciò che tutti noi abbiamo condiviso e c’è stata una grande sensazione di sollievo e successo, quando abbiamo finito mi sentivo onorata di far parte del gruppo. Abbiamo avuto una sessione di saluti finali, dove alla fine siamo rimasti in cerchio a cantare tutti insieme: Ecco a cosa servono gli amici.

Connessione

Sentivo un enorme senso di amore e percepivo l’unità di cui tutti avevano parlato, era una sensazione davvero incredibile. Mi sentivo molto emozionata e non avrei voluto che finisse. Mi sentivo così privilegiata di aver incontrato tutte queste meravigliose persone che ora considero essere i miei amici, di aver condiviso il nostro amore e le nostre esperienze insieme. Ho lasciato la Spagna sentendomi euforica e sentivo di avere una comprensione molto più profonda dei Tre Principi che avevano significato così tanto per me.

Nuova vita

Sono tornata a casa con una nuova prospettiva sulla mia vita e la mia dipendenza. Ho smesso di frequentare il gruppo degli Alcolisti Anonimi; penso che sia un’organizzazione meravigliosa che ancora oggi aiuta migliaia di persone, ma mi sono resa conto che le uniche volte in cui ormai pensavo all’alcol erano gli incontri del gruppo A.A. Con quello che ho imparato sui Tre Principi, continuare a frequentare il gruppo andava contro a quello che sapevo essere vero.

Da quando ho completato il mio corso di formazione con Jack, ho fatto un lavoro di volontariato per Beyond Recovery. Sono andata come volontaria in prigione in molte occasioni per condividere la mia storia con i carcerati. Ho anche contribuito alla realizzazione di un programma di 3 giorni in un centro di cura della zona, che è poi la mia vera passione. Questa è stata un’esperienza illuminante per me e i clienti hanno ottenuto grossi benefici dal percorso.

I sogni si avverano

A maggio 2016 mi è stato chiesto di condividere la mia storia di trasformazione alla conferenza di Tikun. Ricordate, era quello che avevo detto sarebbe accaduto l’anno precedente.

Ero sul palco per il gruppo di Beyond Recovery con Jacqueline, Anna e un ex detenuto che aveva completato il programma sui Tre Principi e anche lui era così ispirato e grato che voleva condividere la sua storia. Fui commossa dalla sua storia e mi sentivo orgogliosa di far parte della sua nuova vita. Anche se parlare di fronte a 750 persone della mia straordinaria trasformazione dalla dipendenza mi intimidiva, una volta sul palco le mie paure sono svanite; non ricordo esattamente cosa ho detto, ma ho ricevuto una standing ovation, quindi qualcosa che ho detto deve essere stata potente. Ho trovato davvero incredibile che, appena 12 mesi dopo aver appreso dei Principi, la mia vita si sia completamente trasformata.

In precedenza avevo seguito 16 anni di consulenza tradizionale per la mia dipendenza e non ero mai riuscita a vedere attraverso la nebbia e ad avere una risoluzione completa, ora mi trovo ad essere nella posizione privilegiata di volontaria presso la SIAS, presso la quale sono stata cliente a causa della mia dipendenza per 18 anni.

Sono davvero meravigliata di come ormai la mia vita sia piena; spero in futuro di poter avere un’occupazione nel campo della dipendenza, per aiutare gli altri a lottare per la vita fuori dalla dipendenza.

Sydney Banks

L’ultima conclusione alla mia storia è doverosa: un uomo meraviglioso chiamato Sydney Banks sapeva davvero di cosa stava parlando. Risi tra me e me ripensando a quando avevo visto il video di SYD sull’illusione della dipendenza e al fatto che in quel momento avevo pensato che l’uomo del video non sapesse nulla di quello che ho passato con la mia dipendenza, dopotutto ero nata con una malattia di dipendenza.

Posso onestamente dire ora quello che so essere vero e cioè che la mia dipendenza è stata solo un’illusione molto lunga del mio pensiero; oh mio Dio, grazie Syd! La tua intuizione sta aiutando a cambiare il mondo, lentamente, ma progressivamente.

Grazie per avermi salvato la vita.

Il mio nome è Sally e non sono un’alcolizzata!

 

Sally Wyse

 

⇒ Dai un’occhiata al programma del corso di Jack Pransky in Italia

 

Se la storia di Sally ti ha emozionato, condividila!

    3 Comments

  1. Pingback: Mi chiamo Sally e non sono un’alcolizzata! La Trasformazione – Rendilo Possibile

  2. Pingback: Questa Settimana: Molto Meglio i Ponti che i Muri – Rendilo Possibile

  3. Pingback: My name is Sally and I’m not an alcoholic! Transformation – Rendilo Possibile

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: